L’Arminuta è stato il romanzo vincitore del Premio Campiello nel 2017.

Una storia letta e riletta da tantissime e tantissimi, di cui tutte e tutti chiedono il seguito.

Ma ogni storia, infondo, conta solo per chi la legge e per questo per me L’Arminuta è il romanzo segreto, quello che si spagina nel mio stomaco e vicino alle orecchie ancora adesso, dopo tanto tempo.

L’Arminuta è la storia di una ragazzina abruzzese di tredici anni che da un giorno all’altro scopre di non essere figlia dei genitori con i quali è cresciuta. Viene restituita alla sua vera famiglia, scopre di avere tre fratelli e una sorella e di essere povera, molto povera.

 

larminuta

 

La sua mamma affettuosa e protettiva, un bel giorno, la lascia sulla soglia di un’altra casa, di un altro mondo, di un’altra famiglia che lei non conosce. Per tutto il romanzo cercherà la ragione inspiegabile di questo abbandono «come un insetto intorno a una lampada accecante».

Il suo status di “ritornata”, però, non è tanto lo stato meramente fisico del ritorno al paese o a delle origini, qualunque esse siano, ma è soprattutto il velo superficiale che nasconde il disorientamento.

Sentirsi senza una madre è come essere nomadi della propria vita e insieme del mondo: foglie appese ai rami, fragili e così maledettamente esposte al vento.

Così la condizione della giovane protagonista, che dà il titolo al romanzo, non è una condizione definitiva e fisica ma ricalca piuttosto il giudizio nello sguardo degli altri; mentre lei, la figlia, si sente orfana di due madri viventi 

 

«Ripetevo piano la parola mamma cento volte, finché perdeva ogni senso ed era solo una ginnastica delle labbra. Restavo orfana di due madri viventi.

Una mi aveva ceduta con il suo latte ancora sulla lingua, l’altra mi aveva restituita a tredici anni. Ero figlia di separazioni, parentele false o taciute, distanze. Non sapevo più da chi provenivo. In fondo non lo so neanche adesso»

 

 

Nel romanzo va in scena, in qualche modo, l’eterna separazione fra la madre e la figlia; quello strappo illustrato emblematicamente nel mito classico del ratto di Persefone alla madre Demetra da parte di Ade.

Il mito ci restituisce l’origine del patriarcato: strappare la figlia alla madre, stabilendo la legge dell’uomo, la legge del padre e sancendo in eterno la competizione fra tutte le donne (Per questa rilettura del mito consiglio la chiave psicanalitica di Luce Irigaray, Speculum. Dell’altro in quanto donna, Milano, Feltrinelli, 1989).

«Ci siamo fermate una di fronte all’altra, così sole e vicine, io immersa fino al petto e lei al collo. Mia sorella. Come un fiore improbabile, cresciuto su un piccolo grumo di terra attaccato alla roccia. Da lei ho appreso la resistenza. Ora ci somigliamo meno nei tratti, ma è lo stesso il senso che troviamo in questo essere gettate nel mondo. Nella complicità ci siamo salvate.»

 

 

Mi vengono in mente, a questo proposito, le parole di una grande donna, scrittrice e femminista come Carla Lonzi:

 

A me piace essere lo strumento di liberazione di un’altra e mi commuove saperlo mentre lei ancora non lo sa.

Sentire questo passaggio che si compie in lei, poterne essere testimone e diligente esecutrice (la mia diligenza è a tutta prova) mi rende felice. […] avverto che si valuta meno perché è stata valutata meno, allora voglio essere quell’eccezione che le può permettere di avere un senso di sé più consono a come l’avrebbe avuto se altri non l’avessero avvilita.

A me piace questa fase, può essere una gioia stabile della mia vita.

 

In queste parole il senso del rapporto fra donne che si stabilisce nei centri antiviolenza: la sola chiave che salva l’altra è stabilire con lei un rapporto, sancendo un patto di fiducia e fedeltà, proprio come fra due sorelle.

 

Queste righe le dedico a tutte le sorelle che ho incontrato, che ho e che conoscerò.

 

Silvia Saccoccia

s%a#c%2015##mm12#

Dove trovi i volumi ODG Edizioni

contentmap_module

Tesseramento OdG 2019

Tesseramento2019

Di sera | La rubrica letteraria dell'OdG

DiSera

Traguardi | Approfondimenti e reportage

Traguardi

Nuovo bando "Sulle vie delle parità nelle Marche" a.s. 2019/2020

Modulo III Edizione Sulle vie della parita

GenereAzione

Ciak_Sigira.png

CyberIncluding

CyberIncluding

Novità ODG Edizioni

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie le biografie delle donne votate nel contesto del progetto social #leviedelledonnemarchigiane promosso dall’Osservatorio di Genere e accolto dal Consiglio delle donne del Comune di Macerata al fine di recuperare la memoria di donne del passato protagoniste della società marchigiana e ad oggi proposte come meritevoli di intitolazioni di vie e spazi pubblici delle città delle Marche.   

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume restituisce i risultati delle attività realizzate nell’ambito del progetto FAMI-450 La lingua per l’inclusione sociale e la cittadinanza. Percorsi di insegnamento e apprendimento dell’Italiano L2 per soggetti vulnerabili nelle province di Fermo e Ascoli Piceno

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie i contributi di 12 donne che hanno partecipato all'iniziativa social Donne di Testa lanciata dall'Osservatorio di Genere e accolta da CGIL, CISL e UIL, dalla Commissione per le Pari opportunità tra uomo e donna della Regione Marche e dal Consiglio delle donne di Macerata al fine di rimettere in circolo il sapere femminile in diversi ambiti con uno sguardo alle tematiche di genere.

 

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

L'e-book Gates No Frontiers è uno degli output del progetto Walls and Integration: Images of Europe building Wai, presentato dal Comune di Macerata nell'ambito del  programma Europa per i cittadini, approvato dalla Commissione Europea e finanziato con un importo di 100.000 euro (cod. progetto 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

L'e-book così come tutte le altre attività di WAI sono state finanziate e rese possibili dal programma europeo Europa per i cittadini.

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Gates No Frontiers is one of the outputs of Walls and Integration: Images of Europe building (WAI), a project, presented by the Municipality of Macerata (Comune di Macerata) of within the Europe for Citizens Program and approved by the European Commission. It gained funding for one hundred thousand Euros (project code 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

The e-book collects the materials, the pictures and the results of the research for the travelling exhibit, "Gates no frontiers"!

This e-book, realized for the WAI project, are freely downloadable from the WAI website!

Di piu'...

Come avere i volumi delle ODG Edizioni?

Per contatti e informazioni: 

info@osservatoriodigenere.com

+39 347 8967936 - +39 349 3726757

 

Diventa socio dell'Osservatorio di Genere e tesserandoti potrai sostenere l'associazione con un contributo che potrai versare con

- Bonifico intestato a:

  • Osservatorio di Genere Banca Prossima
  • IBAN: IT11 C030 6909 6061 0000 0017 941 

 

- Paypal: odg@osservatoriodigenere.com o attraverso il modulo presente nel riquadro qui in basso, se ci si connette da pc o notebook, o in fondo alla pagina, se ci si connette con smartphone o altro dispositivo mobile, cliccando sul pulsante giallo "donazione"

 

- Direttamente nella sede dell'Osservatorio di Genere

via Marche, 84 - Macerata

martedì, mercoledì, giovedì

ore 9.00-13.00

 

- Durante gli eventi pubblici dell'OdG 

Sostieni l'Osservatorio

Sostieni le attività dell'Osservatorio di Genere. In pochi passaggi sarà possibile effettuare la tua donazione, il tuo contributo al crowfunding o il versamento della quota associativa in modo del tutto sicuro. Per tesserarsi, compilare il modulo presente nella sezione aposita del sito.

Newsletter

Notizie dalla rete