Di sera è la nuova rubrica dell'Osservatorio di Genere, curata da Silvia Saccoccia.

Per secoli le donne sono state rumore di sottofondo e la loro soggettività è stata masticata e nascosta dietro e attraverso le parole e le opere dei “grandi scrittori”. Per questo motivo quando per la prima volta, nel Settecento, la donna comincia a scrivere e a parlare di sé e per sé  la sua voce è prima di tutto straordinaria, eccezionale e trasgressiva.

La donna che scrive è una rivoluzionaria. Prendendo letteralmente in mano la sua penna e dando forma scritta ai suoi pensieri, compie un primo e grande atto sovversivo: si sottrae al discorso e alla descrizione maschile. Afferma la sua soggettività e il suo ruolo di scrittrice; seppur inconsapevolmente all'inizio, compie un primo e importante gesto politico.

 

Quelle che una grande studiosa di letteratura femminile, come Elisabetta Rasy, definisce le “madri storiche” della letteratura, Jane Eyre e le sorelle Bronte, producono, attraverso le loro opere, un femminismo inconsapevole.

Iniziarono a scrivere in un momento in cui il dibattito sulla condizione femminile cominciava a produrre i primi risvolti politici: la dichiarazione dei diritti delle donne  di Olympe de Gouges e La rivendicazione dei diritti delle donne di Mary Wollstonecraft.

Tuttavia il loro punto di vista sulla condizione della donna era ancora acerbo, poco consapevole.

Sulla scia di questo loro esempio però, si è venuta formando e trasformando tanta letteratura femminile  e femminista; cambiando gli eventi e le istanze dei secoli, le scrittrici hanno costruito e raccontato la storia delle donne, scrivendo, prima di tutto, la loro personale storia.

DiSera

Il rapporto fra la vita e la letteratura caratterizza gran parte della narrativa in generale ma trova la sua più concreta ed efficace manifestazione nella letteratura delle scrittrici. Sono diari, lettere e autobiografie le prime opere scritte da donne, a testimoniare l'esigenza e l'urgenza di dire prima di tutto: Io sono!

Le scrittrici sono state eroine in un tempo in cui alle donne era proibito avere una voce, un pensiero e una storia e ancora oggi nei tomi e nelle antologie la loro esperienza è spesso relegata in appendici, inserti speciali. “la letteratura femminile” è sempre a parte e su poche e rare pagine.

Questo dimostra che la lotta all'uguaglianza, anche in questo senso, è ancora dura e piena di stereotipi.

Quando si cerca la narrativa delle donne sembra di dover cercare sempre a fondo, sotto tanta polvere e fra mille voci di uomini, ma quando finalmente quelle pagine così rare vengono alla luce, sotto i nostri occhi, la scoperta e la sorpresa sono quelle di un miracolo.

Pensiamo a una donna, di inizio Settecento, costretta a nascondere i suoi fogli sotto la carta assorbente, così come faceva Jane Austen, a poggiare la penna al cigolare della porta che annuncia l'ingresso del padre nella stanza.

Così come lei, tante altre, nei secoli, hanno represso l'irrefrenabile impulso della scrittura, eppure, alla fine, hanno scritto! Cos'è questo se non un incredibile atto di passione, sopravvivenza e  affermazione?

Questa rubrica è femminista, di letteratura, delle donne per le donne: perché le figlie possano rileggere le madri, perché la voce delle madri possa tornare a vivere sotto gli occhi delle figlie.

 

Silvia Saccoccia

Dove trovi i volumi ODG Edizioni

contentmap_module

Tesseramento OdG 2019

Tesseramento2019

Di sera | La rubrica letteraria dell'OdG

DiSera

Traguardi | Approfondimenti e reportage

Traguardi

Nuovo bando "Sulle vie delle parità nelle Marche" a.s. 2019/2020

Modulo III Edizione Sulle vie della parita

GenereAzione

Ciak_Sigira.png

CyberIncluding

CyberIncluding

Novità ODG Edizioni

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie le biografie delle donne votate nel contesto del progetto social #leviedelledonnemarchigiane promosso dall’Osservatorio di Genere e accolto dal Consiglio delle donne del Comune di Macerata al fine di recuperare la memoria di donne del passato protagoniste della società marchigiana e ad oggi proposte come meritevoli di intitolazioni di vie e spazi pubblici delle città delle Marche.   

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume restituisce i risultati delle attività realizzate nell’ambito del progetto FAMI-450 La lingua per l’inclusione sociale e la cittadinanza. Percorsi di insegnamento e apprendimento dell’Italiano L2 per soggetti vulnerabili nelle province di Fermo e Ascoli Piceno

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie i contributi di 12 donne che hanno partecipato all'iniziativa social Donne di Testa lanciata dall'Osservatorio di Genere e accolta da CGIL, CISL e UIL, dalla Commissione per le Pari opportunità tra uomo e donna della Regione Marche e dal Consiglio delle donne di Macerata al fine di rimettere in circolo il sapere femminile in diversi ambiti con uno sguardo alle tematiche di genere.

 

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

L'e-book Gates No Frontiers è uno degli output del progetto Walls and Integration: Images of Europe building Wai, presentato dal Comune di Macerata nell'ambito del  programma Europa per i cittadini, approvato dalla Commissione Europea e finanziato con un importo di 100.000 euro (cod. progetto 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

L'e-book così come tutte le altre attività di WAI sono state finanziate e rese possibili dal programma europeo Europa per i cittadini.

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Gates No Frontiers is one of the outputs of Walls and Integration: Images of Europe building (WAI), a project, presented by the Municipality of Macerata (Comune di Macerata) of within the Europe for Citizens Program and approved by the European Commission. It gained funding for one hundred thousand Euros (project code 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

The e-book collects the materials, the pictures and the results of the research for the travelling exhibit, "Gates no frontiers"!

This e-book, realized for the WAI project, are freely downloadable from the WAI website!

Di piu'...

Come avere i volumi delle ODG Edizioni?

Per contatti e informazioni: 

info@osservatoriodigenere.com

+39 347 8967936 - +39 349 3726757

 

Diventa socio dell'Osservatorio di Genere e tesserandoti potrai sostenere l'associazione con un contributo che potrai versare con

- Bonifico intestato a:

  • Osservatorio di Genere Banca Prossima
  • IBAN: IT11 C030 6909 6061 0000 0017 941 

 

- Paypal: odg@osservatoriodigenere.com o attraverso il modulo presente nel riquadro qui in basso, se ci si connette da pc o notebook, o in fondo alla pagina, se ci si connette con smartphone o altro dispositivo mobile, cliccando sul pulsante giallo "donazione"

 

- Direttamente nella sede dell'Osservatorio di Genere

via Marche, 84 - Macerata

martedì, mercoledì, giovedì

ore 9.00-13.00

 

- Durante gli eventi pubblici dell'OdG 

Sostieni l'Osservatorio

Sostieni le attività dell'Osservatorio di Genere. In pochi passaggi sarà possibile effettuare la tua donazione, il tuo contributo al crowfunding o il versamento della quota associativa in modo del tutto sicuro. Per tesserarsi, compilare il modulo presente nella sezione aposita del sito.

Newsletter

Notizie dalla rete