Concorso didattico

VII edizione del concorso didattico "Sulle vie della parità nelle Marche" - a.s. 2023/24

Concorso didattico VII edizione

Al via il nuovo bando Sulle vie della parità nelle Marche: leggi il bando e partecipa!

Come ogni anno, con l'inizio della scuola, al via il concorso Sulle vie della parità nelle Marche.

Tra le novità, una nuova veste grafica realizzata da Aurora Carassai e una sezione dedicata simbolicamente a Michela Murgia. Ma non è finita qui! Premi più ricchi per le scuole vincitrici e tanto altro.

Parte del concorso nazionale Sulle vie della parità (Edizione XI) promosso da Toponomastica femminile con la partecipazione e il patrocinio di numerose realtà nazionali, istituzioni e associazioni, il bando regionale, alla sua settima edizione, è indetto dall'Osservatorio di Genere in collaborazione con ATS 15 Macerata, Università di Camerino e il suo Sistema museale, Settenove edizioni, CGIL Marche, CISL Marche e UIL Marche.

Anche questa edizione è sponsorizzata da Coop Alleanza 3.0.

 

A chi si rivolge il concorso Sulle vie della parità nelle Marche?

Il bando si rivolge alle scuole di ogni ordine e grado, agli atenei e agli enti di formazione delle Marche e si pone tre obiettivi fondamentali:

  • dare visibilità alle donne in tutti gli spazi pubblici;
  • diffondere l’uso di un linguaggio non sessista;
  • promuovere percorsi educativo-didattici attenti alle differenze di genere volti a contrastare atteggiamenti non corretti verso le donne e la società.

 

Un'opportunità di cittadinanza attiva e partecipazione

Il concorso si articola in quattro diverse sezioni che hanno tutte come temi trasversali la cittadinanza attiva, la partecipazione e la legalità.

Per tutte le sezioni, la consegna è il 28 febbraio 2024.

 

A. Michela Murgia

L’attività relativa a questa sezione dedicata a Michela Murgia, scrittrice, intellettuale, attivista per i diritti civili recentemente scomparsa, ha caratteristiche di storytelling e ha l'obiettivo di valorizzare attraverso interviste, testimonianze, ricerca di fonti riservate e private, figure femminili attive ieri e oggi nella cultura e nella vita cittadina che sono state capaci di lasciare un segno con il loro impegno intellettuale e politico.

I progetti realizzati nell'ambito di questa sezione potrebbero anche essere realizzati a partire dai libri e dal lavoro della stessa Michela Murgia.

FINALITÀ

- Conoscere figure di donne, del presente e del passato, che si sono contraddistinte per il loro impegno sociale, politico e/o culturale.

- Raccontare storie attuali di percorsi di appartenenza di genere che mettano in evidenza temi quali: l’emancipazione femminile, i diritti civili, la libertà di espressione e di appartenenza, la violenza di genere, la lotta all’omofobia.

Tutti gli elaborati devono essere inediti, mai diffusi mediante stampa o altri mezzi di divulgazione.

I lavori completi, la relativa documentazione e la relazione docente vanno inviate compilando il modulo

INTITOLAZIONE

Le scuole aderenti dovranno produrre una richiesta di intitolazione di uno spazio pubblico cittadino o interno al proprio istituto alla donna individuata.

La richiesta che dovrà essere allegata al progetto, deve essere stata inviata all'autorità competente (amministrazione locale e/o dirigenza scolastica).

 

B. LAVORO

I gruppi partecipanti svilupperanno il proprio elaborato producendo ricerche territoriali, documentarie e fotografiche, sul lavoro femminile, passato e presente, con una particolare attenzione alla valorizzazione di attività lavorative innovative e significative della contemporaneità (blogger, influencer, social-media manager, e-commerce, ecc.), utilizzando modalità espressive letterarie, multimediali o miste e corredando la ricerca di bibliografia ed eventuali testimonianze orali e scritte.

FINALITÀ

- Conoscere figure di donne, del presente e del passato, che si sono contraddistinte nel mondo del lavoro aprendo nuove opportunità e rompendo schemi e stereotipi;

- promuovere l'Agenda 2030 attraverso le scelte lavorative di donne che hanno operato in ambiti correlati ai 17 Obiettivi dell'Agenda 2030 e la cui attività si orienta verso il futuro.

Tutti gli elaborati devono essere inediti, mai diffusi mediante stampa o altri mezzi di divulgazione.

I lavori completi, la relativa documentazione e la relazione docente vanno inviate compilando il modulo

INTITOLAZIONE

Le scuole aderenti dovranno produrre una richiesta di intitolazione di uno spazio pubblico cittadino o interno al proprio istituto alla donna individuata.

La richiesta che dovrà essere allegata al progetto, deve essere stata inviata all'autorità competente (amministrazione locale e/o dirigenza scolastica).

 

C. STEM

L’attività relativa a questa sezione ha l’obiettivo di far comprendere a pieno la natura delle materie STEM - Science, Technology, Engineering and Mathematics, e abbattere gli stereotipi e pregiudizi rispetto al fatto che le donne non siano portate per natura ad affrontare determinate materie.

Contrariamente a quanto si immagina, da sempre le scienze hanno impiegato estro e sensibilità femminile. La sezione prevede libere tipologie di lavoro volte a portare alla luce il lavoro fatto dalle scienziate nella storia. L’elaborato deve essere frutto di ricerca storica che includano almeno una proposta di intitolazione di uno spazio pubblico (via, piazza, giardino, rotonda, marciapiede, cortile, aula…) e l’integrazione di materiale fotografico e cartografico che consenta di riconoscere i luoghi prescelti.

Le classi impegnate nella ricerca-studio saranno stimolate a sviluppare il lavoro in modo autonomo, critico e responsabile.

L’attività può essere svolta in collaborazione con l’Università di Camerino.

FINALITÀ

- Superamento degli stereotipi di genere che impattano sulle scelte da parte delle ragazze di un percorso accademico e professionale in ambito STEM.

- Ricordare il contributo di donne scienziate che negli hanno lavorato e nell’ambito delle STEM.

PRODOTTO

La partecipazione al concorso prevede la realizzazione di contributi che rappresentino in modo originale ed efficace i temi del concorso. Possono essere inviati: video, video-lettere, canzoni, fumetti, progetti, app, software, fotografie, testi e racconti. Il prodotto finale potrà essere corredato da un eventuale video di presentazione non dovrà avere durata superiore a due minuti e mezzo.

I lavori completi, la relativa documentazione e la relazione docente vanno inviate compilando il modulo

INTITOLAZIONE

Le scuole aderenti dovranno produrre una richiesta di intitolazione di uno spazio pubblico cittadino o interno al proprio istituto alla donna individuata.

La richiesta che dovrà essere allegata al progetto, deve essere stata inviata all'autorità competente (amministrazione locale e/o dirigenza scolastica).

 

D. PERCORSI

La sezione prevede libere tipologie di lavoro, frutto di ricerca storica e di analisi territoriale che includano almeno una proposta di intitolazione di uno spazio pubblico (via, piazza, giardino, rotonda, marciapiede, cortile, aula…) e l’integrazione di materiale fotografico e cartografico che consenta di riconoscere i luoghi prescelti.

Le classi impegnate nella ricerca-studio saranno stimolate a sviluppare il lavoro in modo autonomo, critico e responsabile.

Le scuole di ogni ordine e grado sono invitate a elaborare dei progetti di creazione di itinerari in natura o in ambiente urbano che dovranno ripercorrere i passi, sia in senso immaginifico che reale (laddove possibile), delle partigiane marchigiane che nella nostra Regione parteciparono attivamente alla Resistenza.

FINALITÀ

  • Superare il gender gap intitolando cammini e percorsi alle donne della Resistenza marchigiana;
  • progettare itinerari in natura o in ambiente urbano, della lunghezza di minimo 5 e massimo 25 km;
  • condurre un’uscita scolastica sul sentiero individuato, documentandola adeguatamente.

PRODOTTO

Il gruppo classe dovrà elaborare il tracciato del percorso ideato su una mappa; indicare le motivazioni della scelta di tale percorso e della scelta della donna a cui lo si vuole intitolare, fornendo una biografia inedita della stessa.

Il prodotto finale potrà essere di tipo cartaceo o multimediale (audio, video, presentazione, podcast, ecc) e, in entrambi i casi, corredato di immagini e fotografie.

I lavori completi, la relativa documentazione e la relazione docente vanno inviate compilando il modulo

INTITOLAZIONE

Le scuole aderenti dovranno produrre una richiesta di intitolazione di uno spazio pubblico cittadino o interno al proprio istituto alla donna individuata.

La richiesta che dovrà essere allegata al progetto, deve essere stata inviata all'autorità competente (amministrazione locale e/o dirigenza scolastica).

 

LINEE GUIDA

Il carattere trasversale della toponomastica e dell’analisi del territorio offre numerose opportunità didattiche di integrazioni interdisciplinari e nel contempo permette a bambine e bambini, a ragazze e ragazzi di sviluppare forme di cittadinanza attiva e di partecipazione alle scelte di chi amministra la città, nel rispetto dei valori dell’inclusione.

Il nome e lo spazio in cui si vive, infatti, coniugano l’astrazione del nome con la concretezza dei luoghi fisici, mettendo in evidenza che uno spazio fisico può in molte occasioni assumere valore simbolico.

Considerando l'emergenza epidemiologica ancora in atto, si offre la possibilità alle/ai docenti di lavorare con le proprie classi su questi temi in modalità a distanza e/o outdoor, utilizzando tutti gli strumenti messi a disposizione dalla rete e dalle nuove tecnologie.

Visibilità.

Rendere visibili le donne nello spazio pubblico è fornire modelli di identificazione autorevoli a bambine e ragazze, promuovere la crescita dell’autostima femminile e del riconoscimento reciproco, favorire lo sviluppo di tante forme di cittadinanza attiva e di partecipazione alle scelte di chi amministra la città.

Linguaggio.

“Senza nome non esisti”: nella ricerca della visibilità per la storia e le azioni delle donne, si chiede attenzione al linguaggio, attraverso un opportuno e corretto uso della grammatica e dell’educazione a parole rispettose di ogni differenza e “non ostili”.

Ambiente.

“Comprendere i concetti del prendersi cura di sé, della comunità, dell’ambiente… per essere consapevoli che i principi di solidarietà, uguaglianza e rispetto della diversità sono i pilastri che sorreggono la convivenza civile e favoriscono la costruzione di un futuro equo e sostenibile” (Legge 2019/92). Basilari sono la formazione e la valorizzazione di atteggiamenti rispettosi dell’ambiente che, partendo dal periodo di emergenza sanitaria dovuta alla pandemia, si intreccino con riflessioni sul corpo, le relazioni, la cura, la città che vogliamo e il ruolo delle donne in questo.

 

Modalità di presentazione dei progetti.

Si potrà utilizzare la tipologia espressiva preferita (saggio, prodotto multimediale, graphic novel, giochi da tavolo, progetti artistici, espositivi o di spettacolo, ecc.)

Scuole/atenei/enti di formazione inoltreranno i lavori completi, la relativa documentazione e la relazione docente agli indirizzi mail e nei tempi indicati in ogni singola sezione.

Del materiale multimediale, caricato in rete dalle singole scuole, sarà spedito il solo link.

L’invio di eventuale materiale fisico, qualora necessario, avverrà per mezzo posta ordinaria all’indirizzo che verrà comunicato via mail, a richiesta, sezione per sezione.

Le/i docenti referenti sintetizzeranno l’attività svolta in una breve relazione da inserire nella scheda didattica allegata al presente bando, che andrà compilata in ogni sua parte accedendo al seguente link.

Il Comitato organizzatore regionale, a cui parteciperanno tutti i rappresentanti dei partner locali e Maria Pia Ercolini (presidente di Toponomastica femminile) valuterà i lavori pervenuti, tenendo conto delle fasce di età.

Le scuole vincitrici delle rispettive sezioni riceveranno:

  • 1° classificato: un contributo di € 200 per l'acquisto di materiale scolastico (in caso di ex aequo il contributo verrà diviso fra le due scuole); un'opera d'arte realizzata ad hoc per il concorso; libri della casa editrice Settenove
  • 2° classificato: un'opera d'arte realizzata ad hoc per il concorso; libri della casa editrice Settenove
  • 3° classificato: un'opera d'arte realizzata ad hoc per il concorso.
  • Le classi vincitrici della Sezione C – STEM saranno ospitate dall'Università di Camerino che riserverà loro esperienze laboratoriali presso il Dipartimento di informatica e una visita all'Orto botanico.
  • Tutte le scuole, vincitrici e non, diritto ad un ATTESTATO di Partecipazione e parteciperanno al concorso nazionale Sulle vie della parità di Toponomastica femminile. 

I vincitori della VII edizione saranno proclamati durante una conferenza stampa l'8 marzo 2024.

La cerimonia di premiazione finale di tutte le sezioni si terrà nel mese di marzo 2024 in presenza presso l'Università di Camerino.

PER ADESIONI E INFORMAZIONI: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Leggi il bando

Scheda docente

 

V edizione del concorso didattico "Sulle vie della parità nelle Marche" / a.s. 2021-2022.

sulle vie della parità nelle Marche locandina concorso

Sulle vie della parità nelle Marche: il concorso didattico compie cinque anni!

Anche per l'anno scolastico 2021-2022 è indetto il bando per il concorso didattico Sulle vie della parità nelle Marche.

Il concorso regionale è parte di quello nazionale "Sulle vie della parità" (Edizione X) promosso da Toponomastica femminile con lapartecipazione e il patrocinio di numerose realtà nazionali (istituzioni e associazioni).

Il presente bando regionale, alla sua quinta edizione, è indetto dall'Osservatorio di Genere in collaborazione con l'Ambito Territoriale Sociale15, l'Università di Camerino e il suo Sistema Museale, Settenove edizioni, Lions Club Macerata Host, USIGRai, CGIL Marche CISL Marche e UIL Marche.

Anche per l'a.s. 2021/22, il concorso è sponsorizzato da Coop Alleanza 3.0.

 

Scarica il bando

Scarica la scheda docente (Word / PDF)

Leggi tutto...

IV edizione del concorso didattico "Sulle vie della parità nelle Marche" / a.s. 2020/2021

sulle vie della parità nelle marche

Sulle vie della parità nelle Marche è arrivato alla quarta edizione.

Il concorso Sulle vie della parità nelle Marche è parte del concorso nazionale Sulle vie della parità (Edizione VIII) promosso da Toponomastica femminile con la  partecipazione e il patrocinio di numerose realtà nazionali (istituzioni e associazioni). 

Il presente bando regionale, alla sua quarta edizione, è indetto dall'Osservatorio di Genere in collaborazione con l'ATS n. 15, il Sistema Museale dell'Università di Camerino, Settenove edizioni, CGIL Marche, CISL Marche e UIL Marche.

Questa edizione ha il patrocinio dell'USIGRai

Sulle vie della parità nelle Marche è realizzato con la sponsorizzazione di Coop Alleanza 3.0

 

Scarica il bando

Scarica la scheda docente (DOC / PDF)

 

La scadenza del concorso è stata prorogata al 28 febbraio 2021

il motivo è dovuto essenzialmente al fatto che l'Ambito Territoriale Sociale n. 15 è entrato a far parte a pieno titolo dei partner con cui l'associazione culturale Osservatorio di Genere organizza ormai da 4 anni questa iniziativa.

L'ingresso nel partenariato dell'ATS n. 15 ha comportato la seconda importante novità che riguarda essenzialmente le scuole della primaria e della secondaria di I e II grado della provincia di Macerata per le quali sono previsti tre premi consistenti in un contributo di € 300,00 ognuno da spendere in materiale scolastico.

 

Leggi tutto...

Sulle vie della parità nelle Marche - III Edizione - a.s. 2019/2020

Bando di concorso Sulle vie della parità nelle Marche | III Edizione - anno 2019/2020

banner III Edizione Sulle vie della parita nelle Marche

 

Scarica il bando

Scarica la scheda docente (PDF)

 

Il concorso Sulle vie della parità nelle Marche è indetto dall'Osservatorio di Genere con il patrocinio della Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna della Regione Marche (CPO) e del Consiglio delle Donne del Comune di Macerata, in collaborazione con il Sistema Museale dell'Università di Camerino, CGIL Marche, CISL Marche e UIL Marche. Questa terza edizione, inoltre, ha il sostegno della Coop Alleanza 3.0.

Questo bando è per il terzo anno consecutivo parte del concorso nazionale Sulle vie della parità (Edizione VII) promosso da Toponomastica femminile con il patrocinio di Rete per la Parità, FILDIS, Power&Gender, Casa editrice Matilda, Associazione Le Sentinelle onlus, Casa Ascione, Grammatica&Sessismo, Maria Pacini Fazzi editore ed altre realtà nazionali.

Inoltre, il concorso nazionale vede quest'anno la partecipazione diretta del Premio Calvino e dell’Istituto Comprensivo Santa Caterina di Cagliari, del CIDI Palermo, della Società Italiana delle Storiche (SIS) che ne curano sezioni e sottosezioni nazionali.

In linea con quanto previsto dal concorso nazionale, le attività di ricerca-azione del concorso sono rivolte alle scuole di ogni ordine e grado (dalla primaria alla secondaria di secondo grado), agli atenei e agli enti di formazione ed è finalizzato a riscoprire e valorizzare il contributo offerto dalle donne marchigiane alla costruzione della società.

Il carattere trasversale della toponomastica e dell’analisi del territorio offre numerose opportunità didattiche di integrazione interdisciplinare e nel contempo permette a bambine e bambini, ragazze e ragazzi di sviluppare forme di cittadinanza attiva e di partecipazione alle scelte di chi amministra la città, nel rispetto dei valori dell’inclusione. 

Gli obiettivi che il concorso si pone di raggiungere sono:

  • promuovere la (ri)scoperta di figure femminili che hanno contribuito allo sviluppo sociale, culturale o economico del territorio e proporle alle sedi competenti per nuove intitolazioni, al fine di ridurre il gap di genere nella toponomastica;

  • definire, nel proprio territorio, itinerari in grado di riportare alla luce le tracce delle donne che hanno contribuito alla crescita sociale e culturale del Paese;

  • divulgare, attraverso svariate forme espressive, la conoscenza di protagoniste visibili e nascoste della vita collettiva;

  • individuare modelli femminili di valore e di differenza di ieri e di oggi ai quali attingere nell’opera complessa della costruzione dell’identità.

Si raccomanda una particolare attenzione al linguaggio, che dovrà rendere visibile la presenza femminile attraverso un corretto uso della grammatica.

Leggi tutto...

Sulle vie della parità nelle Marche - II Edizione - a.s. 2018/2019

Bando di concorso Sulle vie della parità nelle Marche

II Edizione - anno 2018/2019

II ed Sulle vie della parita nelle Marche 1

Scarica il bando

Scarica la scheda docente

 

Il concorso Sulle vie della parità nelle Marche è parte del concorso nazionale Sulle vie della parità (Edizione VI) promosso da Toponomastica femminile con la partecipazione di Società Italiana delle Storiche, Rete per la Parità, FILDIS, Power&Gender, Acume, OdG – Osservatorio di Genere-Macerata, Scosse, Eccellenze Italiane, Casa editrice Matilda, Associazione Le Sentinelle onlus, Casa Ascione, e l’Istituto Comprensivo Santa Caterina di Cagliari.

Il presente bando regionale, alla sua seconda edizione, è indetto dall'Osservatorio di Genere con il patrocinio della Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna della Regione Marche (CPO) e del Consiglio delle Donne del Comune di Macerata, in collaborazione con il Sistema Museale dell'Università di Camerino, CGIL Marche, CISL Marche e UIL Marche.

Le attività di ricerca-azione del concorso sono rivolte alle scuole di ogni ordine e grado (dalla primaria alla secondaria di secondo grado), agli atenei e agli enti di formazione ed è finalizzato a riscoprire e valorizzare il contributo offerto dalle donne marchigiane alla costruzione della società. Il carattere trasversale della toponomastica e dell’analisi del territorio offre numerose opportunità didattiche di integrazione interdisciplinare e nel contempo permette a bambine e bambini, ragazze e ragazzi di sviluppare forme di cittadinanza attiva e di partecipazione alle scelte di chi amministra la città, nel rispetto dei valori dell’inclusione.

Gli obiettivi che il concorso si pone di raggiungere sono:

  • promuovere la (ri)scoperta di figure femminili che hanno contribuito allo sviluppo sociale, culturale o economico del territorio e proporle alle sedi competenti per nuove intitolazioni, al fine di ridurre il gap di genere nella toponomastica;

  • definire, nel proprio territorio, itinerari in grado di riportare alla luce le tracce delle donne che hanno contribuito alla crescita sociale e culturale del Paese;

  • divulgare, attraverso svariate forme espressive, la conoscenza di protagoniste visibili e nascoste della vita collettiva;

  • individuare modelli femminili di valore e di differenza di ieri e di oggi ai quali attingere nell’opera complessa della costruzione dell’identità.

Si raccomanda una particolare attenzione al linguaggio, che dovrà rendere visibile la presenza femminile attraverso un corretto uso della grammatica.

Leggi tutto...

8 marzo 2019: premiazione delle scuole vincitrici

2019 8MARZO 1


Lunedì 18 febbraio 2019 presso la sede dell'Osservatorio di Genere a Macerata si è riunita la Commissione di valutazione del concorso didattico "Sulle vie della parità nelle Marche", alla sua seconda Edizione. Il concorso regionale, collegato a quello di respiro nazionale promosso da Toponomastica femminile, è indetto dall'Osservatorio di Genere con il patrocinio della Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna della Regione Marche (CPO) e del Consiglio delle Donne del Comune di Macerata, in collaborazione con il Sistema Museale dell'Università di Camerino, CGIL Marche, CISL Marche e UIL Marche. La Commissione di valutazione era composta da:

  • Claudia Santoni e Loredana Guerrieri (Osservatorio di Genere)
  • Ninfa Contigiani (Consiglio delle donne del Comune di Macerata)
  • Valentina Ugolinelli (Commissione Pari Opportunità - Regione Marche)
  • Alessandro Blasetti (Sistema Museale - Università di Camerino)
  • Silvia Spinaci (Cisl)
  • Michela Verdecchia (Cgil)
  • Marina Marozzi (Uil) 
La Commissione ha selezionato i lavori arrivati cercando di premiare l'innovazione, l'originalità, la complessità dei temi e i linguaggi utilizzati con l'obiettivo di riscoprire e valorizzare il contributo offerto dalle donne alla costruzione della società nella nostra Regione. 

Leggi tutto...

Sulle vie della parità nelle Marche: i premi e le artiste

TeamOdG.jpg

Ai vincitori del concorso didattico Sulle vie della parità nelle Marche, indetto dall'Osservatorio di Genere e patrocinato dalla Commissione regionale Pari Opportunità e dal Consiglio delle donne del Comune di Macerata in collaborazione con il Sistema museale dell’Università di Camerino e di Cgil, Cisl e Uil Marche, sono state assegnate le opere realizzate da quattro artiste del team OdG: Daniela Scriboni, Elena Borioni, Stefania Ciuciani e Luisa Gianfelici.

Leggi tutto...

8 marzo 2018: premiazione delle scuole vincitrici

8MARZO 1


Il 19 febbraio presso la Sala Castiglioni della Biblioteca comunale "Mozzi Borgetti" di Macerata, la giuria del concorso didattico Sulle vie della parità nelle Marche (I Edizione) si è riunita per visionare e valutare i lavori pervenuti dalle scuole.
 
La Giuria ha assegnato i seguenti premi speciali:
 
  • Premio per il Progetto più Originale: I.I.S "A. Olivetti" Polo 3 Fano (classe 5°C) con il progetto "Mameli Rap"
  • Premio per il Progetto più Innovativo: I.T.E "A. Gentili" Macerata (classe 4°D SIA) con il progetto “Strade che aggregano - Vie al femminile Macerata” e focus su “La piccola umanità internata: il vicolo delle orfane”
  • Premio per scuola del cratere, I.T.E "A. Gentili" Macerata (classe 4°D) con il progetto “Strade che aggregano - Vie al femminile Macerata” e focus su “La piccola umanità internata: il vicolo delle orfane”
e ha individuato la seguente graduatoria:
 
  • Primo Premio: I.I.S "A. Olivetti" Polo 3 Fano (classe 5°C) con il progetto “MEMORIE DI DONNE - STAFFETTE PER LA LIBERTÀ” 
  • Secondo Premio a pari merito: I.I.S.S "C. Urbani" Porto Sant'Elpidio (classe 3°D) con il progetto “Dalle strade del Rione alle vie dell’emancipazione e dell’identità: le Cappellette sangiorgesi” e I.I.S "E. Mattei" Recanati (classi 2° A e 2° C) con il progetto “Donne Storiche di Recanati"
  • Terzo Premio: I.I.S.S "C. Urbani" Porto Sant'Elpidio (classe 3°D) con il progetto "Il ruolo produttivo delle donne nella realtà elpidiense"
 
La premizione ufficiale ci sarà l'8 marzo ad Ancona presso la Sala "Pino Ricci"- Palazzo delle Marche alle ore 10.00
 
Il concorso Sulle vie della parità nelle Marche è promosso dall'Osservatorio di Genere con il patrocinio della Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna della Regione Marche (CPO) e del Consiglio delle Donne del Comune di Macerata, in collaborazione con il Sistema Museale dell'Università di Camerino, il blog di divulgazione astronomica delle Nane Brune, CGIL Marche, CISL Marche e UIL Marche con il contributo del Soroptimist Club Fermo. Sulle vie della parità nelle Marche è parte del concorso nazionale Sulle vie della parità (Edizione V) indetto da Toponomastica femminile e sostenuto da FNISM, con la partecipazione di Società Italiana delle Storiche, UISP, Acume e Libera Università di Alcatraz.

Tesseramento OdG 2024

TESSERAMENTO 2023 Sito 1

Sulle vie della parità nelle Marche: online il bando della VII edizione

Slide Sito

NOI 2.0 Per un futuro consapevole

logo colore def 2

Dona il tuo 5x1000 all'OdG

5x1000_OdG.jpg

Insegni alla Scuola secondaria di I grado? Ecco la formazione che fa per te!

Cyberincluding Goes Europe

logo_definitivo_goes.jpg

Cyberincluding Goes Europe: Instructions for Use to Contrast Bullying and Cyberbullying

ClikHereLaw

Cyberincluding Goes Europe: we drafted a law to contrast cyberviolence

ClikHereLaw

RADart - Erasmus+

logo_72_Radart.png

Disponibile il ToolBox e "Embody the role" per prevenire e contrastare bullismo e cyberbullismo

Gioco Empowerbox 2

EmpowerBox - Collabora Partecipa Ispira

WhatsApp Image 2021-03-17 at 20.00.50 (1).jpeg

N.O.I. - Next Opportunity Involvement

logo-noi-png (1).png

Di sera | La rubrica letteraria dell'OdG

Copia di Traguardi.png

Traguardi | Approfondimenti e reportage

Traguardi

Novità ODG Edizioni

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie le biografie delle donne votate nel contesto del progetto social #leviedelledonnemarchigiane promosso dall’Osservatorio di Genere e accolto dal Consiglio delle donne del Comune di Macerata al fine di recuperare la memoria di donne del passato protagoniste della società marchigiana e ad oggi proposte come meritevoli di intitolazioni di vie e spazi pubblici delle città delle Marche.   

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume restituisce i risultati delle attività realizzate nell’ambito del progetto FAMI-450 La lingua per l’inclusione sociale e la cittadinanza. Percorsi di insegnamento e apprendimento dell’Italiano L2 per soggetti vulnerabili nelle province di Fermo e Ascoli Piceno

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume raccoglie i contributi di 12 donne che hanno partecipato all'iniziativa social Donne di Testa lanciata dall'Osservatorio di Genere e accolta da CGIL, CISL e UIL, dalla Commissione per le Pari opportunità tra uomo e donna della Regione Marche e dal Consiglio delle donne di Macerata al fine di rimettere in circolo il sapere femminile in diversi ambiti con uno sguardo alle tematiche di genere.

 

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume di Chiara Donati e Marco Biancucci nasce dall’incontro della ricerca storiografica con la fotografia, della prospettiva nazionale con quella regionale, delle storie di vita di partigiani e partigiane più o meno note.

Di piu'...

Categoria: Monografie
Produttore: ODG Edizioni

Il volume, curato da Luisa Gianfelici, raccoglie le opere d'arte realizzate da Aurora Carassai, Elena Borioni, Daniela Scriboni, Stefania Ciucani e la stessa Luisa Gianfelici nell'ambito del concorso didattico Sulle vie della parità nelle Marche dal 2018 ad oggi.

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

L'e-book Gates No Frontiers è uno degli output del progetto Walls and Integration: Images of Europe building Wai, presentato dal Comune di Macerata nell'ambito del  programma Europa per i cittadini, approvato dalla Commissione Europea e finanziato con un importo di 100.000 euro (cod. progetto 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

L'e-book così come tutte le altre attività di WAI sono state finanziate e rese possibili dal programma europeo Europa per i cittadini.

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Gates No Frontiers is one of the outputs of Walls and Integration: Images of Europe building (WAI), a project, presented by the Municipality of Macerata (Comune di Macerata) of within the Europe for Citizens Program and approved by the European Commission. It gained funding for one hundred thousand Euros (project code 562858-CITIZ-1-2015-1-IT-CITIZ-REMEM - CUP I251I15000070001).

The e-book collects the materials, the pictures and the results of the research for the travelling exhibit, "Gates no frontiers"!

This e-book, realized for the WAI project, are freely downloadable from the WAI website!

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Manuale per insegnanti ed educatori che raccoglie strategie e azioni per prevenire, mitigare e contrastare il bullismo e il cyberbullismo

 

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni

Teorie e pratiche didattiche in contesto migratorio

Di piu'...

Categoria: E-book
Produttore: ODG Edizioni
Prezzo: 5,00 €

Riflessioni e buone pratiche

Di piu'...

Come avere i volumi delle ODG Edizioni?

Per contatti e informazioni: 

educazione@osservatoriodigenere.com

Per concordare un appuntamento Tel. +39 351 893 0932

 

Diventa socio dell'Osservatorio di Genere e tesserandoti potrai sostenere l'associazione con un contributo che potrai versare con

- Bonifico intestato a:

Osservatorio di Genere 

IBAN: IT11 C030 6909 6061 0000 0017 941 

 

- Paypal: odg@osservatoriodigenere.com o attraverso il modulo presente nel riquadro qui in basso, se ci si connette da pc o notebook, o in fondo alla pagina, se ci si connette con smartphone o altro dispositivo mobile, cliccando sul pulsante giallo "donazione"

 

- Direttamente nella sede dell'Osservatorio di Genere

via Marche, 84 - Macerata

Tel. +39 351 893 0932

 

- Durante gli eventi pubblici dell'OdG 

Sostieni l'Osservatorio

Sostieni le attività dell'Osservatorio di Genere. In pochi passaggi sarà possibile effettuare la tua donazione, il tuo contributo al crowfunding o il versamento della quota associativa in modo del tutto sicuro. Per tesserarsi, compilare il modulo presente nella sezione aposita del sito.

Newsletter

Notizie dalla rete