odgWEB 02

“Strade che Aggregano” è parte del progetto G.I.G.A. Gruppo d’Incontro Giovani e Aggregazione finanziato dalla Regione Marche nell'ambito del bando “aggregAzione” (capofila Associazione di promozione culturale Strade d'Europa)

 

Scarica la app realizzata dagli studenti e dalle studentesse dell'ITE "Gentili" di Macerata coordinati dalla prof.ssa Letizia Catarini

 

Periodo di svolgimento dell'attività: aprile-maggio 2017; ottobre-novembre 2017

Luogo: Biblioteca comunale di Macerata “Mozzi-Borgetti” (piazza Vittorio Veneto)

Descrizione dell'attività

L'Osservatorio di Genere ha tra le sue finalità la promozione e la formazione delle giovani generazioni alla cittadinanza attiva e la sensibilizzazione sulle pari opportunità. Il percorso proposto nell'ambito di questo progetto risponde a queste premesse e nasce dalla collaborazione avviata nel corso del 2016 con l'Associazione Nazionale di Toponomastica Femminile. L'output che si vuole ottenere è l'elaborazione di un percorso culturale e toponomastico digitale di storia locale che permetta a studenti e studentesse (16-19 anni) dell'ITE "Gentili" di Macerata di mettere in evidenza il contributo portato dalle donne al mondo della cultura e del lavoro della e nella città in cui vivono.

Gli strumenti individuati per raggiungere questo obiettivo sono la ricerca-azione e l’apprendimento collaborativo centrato sull’esperienza, il cooperative learning, il metodo biografico e le nuove tecnologie.

L'attività prevede:

  • 21 e 28 aprile 2017: 2 incontri di approfondimento su tematiche specifiche;

  • 11 maggio 2017: 1 un laboratorio pratico;

  • ottobre-novembre 2017: 1 evento finale di restituzione dei risultati raggiunti.

Nel dettaglio i due incontri di approfondimento sono dedicati a:

  • 21 aprile 2017: Toponomastica e competenze di cittadinanza a cura di Silvia Casilio e Claudia Santoni (Osservatorio di Genere)

  • 28 aprile 2017: Wikipedia e il genere femminile. Voci enciclopediche femminili a cura di Camelia Boban (fondatrice di WikiDonne)

Il laboratorio, invece, a cura di Silvia Alessandrini Calisti (Osservatorio di Genere) ha l'obiettivo di mostrare ai ragazzi e alle ragazze “Come fare ricerca, come costruire biografie”. I ragazzi e le ragazze potranno sperimentare il lavoro in archivio con le fonti storiche e questo consentirà loro di conoscere il patrimonio archivistico della Biblioteca comunale “Mozzi-Borgetti”.

L'evento finale: presentazione dell'output digitale realizzato. Questo incontro consisterà nell'illustrare la ricerca messa in campo. Si chiederà ai ragazzi e alle ragazze di realizzare un percorso digitale immaginario che racconti le vie maceratesi a loro avviso più significative rispetto alle figure maschili e femminili a cui sono state intitolate. Tutto il materiale prodotto e presentato all'evento finale sarà pubblicato sul sito dell'associazione Osservatorio di Genere.

Obiettivo

L'obiettivo di “Strade che Aggregano” è spingere i ragazzi e le ragazze ad essere protagonisti in una dimensione collettiva e attiva della propria città spingendoli ad osservarla, a studiarne le dinamiche dello sviluppo urbanistico, ad interrogarsi sulla storia delle donne e degli uomini a cui le strade sono state intitolate, a riflettere sulle ragioni delle intitolazioni e su quelle di tante assenze. Inoltre essendo il comune partner di questo progetto lo scopo è mettere in condizione i ragazzi e le ragazze di agire attivamente nel proprio territorio suggerendo a chi governa di intitolare quella strada o quella piazza ad una figura femminile che in qualche modo ha fatto la differenza per Macerata. La proposta di intitolazione sarà lanciata dai ragazzi e dalle ragazze di “Strade che Aggregano” durante l'evento finale.

 

Strade Che Aggregano | I incontro

 

Strade Che Aggregano | II incontro

 

Strade Che Aggregano | III incontro

 

Strade Che Aggregano | IV incontro