Bando di concorso Sulle vie della parità nelle Marche | III Edizione - anno 2019/2020

banner III Edizione Sulle vie della parita nelle Marche

 

Scarica il bando

Scarica la scheda docente (PDF)

 

Il concorso Sulle vie della parità nelle Marche è indetto dall'Osservatorio di Genere con il patrocinio della Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna della Regione Marche (CPO) e del Consiglio delle Donne del Comune di Macerata, in collaborazione con il Sistema Museale dell'Università di Camerino, CGIL Marche, CISL Marche e UIL Marche. Questa terza edizione, inoltre, ha il sostegno della Coop Alleanza 3.0.

Questo bando è per il terzo anno consecutivo parte del concorso nazionale Sulle vie della parità (Edizione VII) promosso da Toponomastica femminile con il patrocinio di Rete per la Parità, FILDIS, Power&Gender, Casa editrice Matilda, Associazione Le Sentinelle onlus, Casa Ascione, Grammatica&Sessismo, Maria Pacini Fazzi editore ed altre realtà nazionali.

Inoltre, il concorso nazionale vede quest'anno la partecipazione diretta del Premio Calvino e dell’Istituto Comprensivo Santa Caterina di Cagliari, del CIDI Palermo, della Società Italiana delle Storiche (SIS) che ne curano sezioni e sottosezioni nazionali.

In linea con quanto previsto dal concorso nazionale, le attività di ricerca-azione del concorso sono rivolte alle scuole di ogni ordine e grado (dalla primaria alla secondaria di secondo grado), agli atenei e agli enti di formazione ed è finalizzato a riscoprire e valorizzare il contributo offerto dalle donne marchigiane alla costruzione della società.

Il carattere trasversale della toponomastica e dell’analisi del territorio offre numerose opportunità didattiche di integrazione interdisciplinare e nel contempo permette a bambine e bambini, ragazze e ragazzi di sviluppare forme di cittadinanza attiva e di partecipazione alle scelte di chi amministra la città, nel rispetto dei valori dell’inclusione. 

Gli obiettivi che il concorso si pone di raggiungere sono:

  • promuovere la (ri)scoperta di figure femminili che hanno contribuito allo sviluppo sociale, culturale o economico del territorio e proporle alle sedi competenti per nuove intitolazioni, al fine di ridurre il gap di genere nella toponomastica;

  • definire, nel proprio territorio, itinerari in grado di riportare alla luce le tracce delle donne che hanno contribuito alla crescita sociale e culturale del Paese;

  • divulgare, attraverso svariate forme espressive, la conoscenza di protagoniste visibili e nascoste della vita collettiva;

  • individuare modelli femminili di valore e di differenza di ieri e di oggi ai quali attingere nell’opera complessa della costruzione dell’identità.

Si raccomanda una particolare attenzione al linguaggio, che dovrà rendere visibile la presenza femminile attraverso un corretto uso della grammatica.

 

Singoli, gruppi e classi vincitrici riceveranno diplomi di merito, libri e/o premi messi a disposizione dei partner.

Le alunne e gli alunni, le studentesse e gli studenti saranno stimolate/i a sviluppare il lavoro in modo autonomo, critico e responsabile, scegliendo tra una delle seguenti sezioni tematiche, con scadenze tra loro differenziate:

A. PERCORSI - consegna 31 gennaio 2020

B. GIOCHI (riservato alla scuola primaria e secondaria di I e II Grado) - consegna 31 gennaio 2020

C. NARRAZIONI (Riservato al triennio della scuola superiore, agli atenei nazionali) - consegna 10 gennaio 2020

D. LAVORO - consegna 31 gennaio 2020

 

Scuole/atenei/enti di formazione inoltreranno i lavori completi, la relativa documentazione e la relazione docente agli indirizzi mail indicati in ogni singola sezione.

Del materiale multimediale, caricato in rete dalle singole scuole, sarà spedito il solo link. I video potranno essere caricati su youtube con l'indicazione della sezione a cui si partecipa e la dicitura: Concorso didattico “Sulle vie della parità nelle Marche” a.s. 2019/2020 promosso dall'Osservatorio di Genere.

Solo nel caso i video in questione siano selezionati e risultino vinvitori, il giorno della premiazione ad Ancona dovranno essere consegnati in formato mpeg4 in alta risoluzione.

L’invio di eventuale materiale fisico, qualora necessario, avverrà per mezzo posta ordinaria all’indirizzo: Osservatorio di Genere – Via Marche, 84 – 62100 Macerata.

 

Le/i docenti referenti sintetizzeranno l’attività didattica svolta in una breve relazione (circa 2.000 battute) da inserire nella scheda didattica allegata al presente bando, che andrà compilata in ogni sua parte.

 

Una giuria scelta dal Comitato organizzatore territoriale – di cui faranno parte: la presidente del Consiglio delle donne di Macerata o sua delegata, la presidente della CPO o sua delegata, due membri dell'Osservatorio di Genere, Alessandro Blasetti del Museo delle Scienze dell'Università di Camerino, un/a rappresentante della CGIL Marche, Silvia Spinaci della CISL Marche, un/a rappresentante della UIL Marche – valuterà i lavori pervenuti (ad eccezione di quelli sviluppati nell'ambito della Sezione C che seguiranno l'iter previsto dal bando nazionale) e selezionerà più proposte che terranno conto delle tecniche espressive e delle fasce di età. Scuole/atenei/enti di formazione che parteciperanno riceveranno un diploma di merito durante la premiazione che si terrà il 6 marzo 2020 ad Ancona.

Gli elaborati premiati grazie al bando regionale, avranno un riconoscimento anche durante la premiazione nazionale che si terrà a Roma nella primavera 2020.

Per adesioni e informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sulle vie della parità nelle Marche, SEZIONE A

PERCORSI

Alla sezione A parteciperanno i progetti pervenuti entro il 31 gennaio 2020 all’indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I gruppi e le classi potranno sviluppare il proprio elaborato scegliendo liberamente tra modalità espressive letterarie, artistiche, multimediali o miste (ad esempio opere scultoree, graphic novel e illustrazioni, performance e rappresentazioni teatrali, siti internet, app, ecc.)

La sezione prevede più tipologie di lavoro, frutto di ricerca storica e di analisi territoriale.

Tutte le tipologie dovranno includere l’integrazione di materiale fotografico e cartografico che consenta di riconoscere i luoghi prescelti.

Una giuria scelta dal Comitato organizzatore valuterà i lavori pervenuti e selezionerà più proposte che terranno conto delle tecniche espressive e delle fasce di età.

A1. Proposte di intitolazione

A partire dal volume #leviedelledonnemarchigiane, si chiede di presentare una o più figure femminili meritorie di memoria e definizione dei rispettivi luoghi da intitolare - aree di circolazione e di sosta; ambienti di lavoro, riunione e servizio; spazi di studio e cultura; parchi, boschi, alberi, giardini e orti.

È richiesta copia della relativa proposta avanzata alle sedi competenti e/o delle avvenute intitolazioni.

A2. Percorsi di genere

Costruzione di un itinerario alla scoperta delle tracce femminili presenti nel territorio di appartenenza (paese, città, quartiere…).

A3. Viale delle Giuste

Realizzazione di un percorso (in un viale di paese, in un parco, in una scuola, in un corridoio di biblioteca…) che ricordi donne definite “Giuste” in base a questa definizione: donne laiche che in ogni tempo e in ogni luogo si sono distinte, anche a rischio della propria vita, sia per le attività volte alla salvezza di singole persone oggetto di persecuzione e di discriminazione, sia per la loro lotta e denuncia dei soprusi e delle ingiustizie, in difesa di un ideale superiore di dignità e umanità. 

I lavori potranno vertere su 

“Donne che hanno fatto la storia”

  • Leda Antinori

  • Mimma Baldoni Di Cola e Alda Rienzi

  • Adele Bei

  • Adalgisa Breviglieri

  • Egidia Coccia

  • Radia Fontanoni

  • Rosina Frulla

  • Tina Lorenzoni

  • Joyce Lussu

  • Maria Montessori

  • Gemma Perchi

  • Edmea Pirami

  • Dolores Prato

  • Maria Pucci

  • Bianca Sarti

  • Derna Scandali

  • Walchiria Terradura

  • Rosa Tommassetti Piselli

  • Le dieci maestre che vollero votare

“Donne che fanno la storia”: le alunne e gli alunni, le studentesse e gli studenti sono invitati a riflettere anche sulle nuove forme di resistenza e di lotta femminili.

In particolare, visto che l'Osservatorio di Genere nel corso del 2017 e del 2018 ha avviato numerose collaborazioni e ha organizzato diversi momenti di riflessione sull'esperienza delle donne del Rojava, invita scuole/università/enti di formazione a proporre lavori dedicati all'approfondimento di questo interessante esperimento di democrazia partecipata femminile*.

Oltre alla relazione docente e al materiale fotografico, sono richieste:

  • la definizione del numero di figure di cui sarà costituito il percorso;

  • la motivazione significativa nell’attribuzione del riconoscimento di “Giuste” alle figure scelte, in un testo di circa 2.000 battute per ciascuna donna segnalata;

  • l’autorizzazione alla realizzazione del percorso da parte dell’autorità competente (in caso di percorso solo progettato e non ancora realizzato).

 

Sulle vie della parità nelle Marche | SEZIONE B

GIOCHI

Alla sezione B parteciperanno i progetti pervenuti entro il 31 gennaio 2020 all'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

DESTINATARI

Esclusivamente interi gruppi-classe della scuola primaria e della scuola secondaria di I e II grado.

PREMESSA

“Il gioco è una cosa seria. Anzi tremendamente seria” J.P. Richter

Promuovere una didattica ludica attraverso la creazione e/o risoluzione di giochi-enigmi, relativi alla matematica e alla lingua italiana, costringe alunni ed alunne ad un attivo e piacevole lavoro di ricerca, che implica il recupero non solo di contenuti, ma pure delle relazioni che intercorrono tra i contenuti affrontati.

In quest'ottica, creare un gioco da tavola, riadattarlo o reinventarlo in un'ottica di genere o rielaborare metodi e concetti attraverso i giochi-enigmi, consolida le conoscenze e attiva molteplici competenze:

  • saper “ideare” in gruppo

  • attiva capacità logiche ed intuitive

  • sviluppa il pensiero critico.

PRODOTTO

Le classi partecipanti svilupperanno un elaborato scegliendo le seguenti modalità:

  1. presentazione di un gioco dedicato ad una delle donne presenti nelle targhe della propria città e/o nel volume #leviedelledonnemarchigiane: non solo toponomastica

  2. in linea con il concorso nazionale “Sulle vie della parità” e in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Santa Caterina di Cagliari, presentazione di una raccolta di giochi-enigmi di natura logico-linguistica (fino ad un massimo di quattro per ciascuna biografia), attraverso le biografie di donne e uomini (massimo tre maschili e tre femminili) ai quali sono intitolate delle targhe nella propria città. I giochi-enigmi che si caratterizzeranno per originalità e valenza didattico-educativa verranno raccolti in un quaderno operativo suddiviso in tre sezioni:

-scuola primaria;

-scuola secondaria di I grado;

-scuola secondaria di II grado.

 

CONSEGNA ELABORATI

I giochi-enigmi di natura logico-linguistica selezionati nelle Marche saranno poi inoltrati dalla Commissione di valutazione marchigiana entro l’8 marzo 2020 all’Istituto Comprensivo Santa Caterina, che si occupa di questa sezione per il concorso nazionale.

PRESENTAZIONE LAVORI INEDITI

Tutti gli elaborati dovranno essere inediti, mai diffusi mediante stampa o altri mezzi di divulgazione.

PROPOSTA DI INTITOLAZIONE

Il lavoro dovrà concludersi con una proposta di intitolazione a figure femminili del proprio territorio di appartenenza.

 

Sulle vie della parità nelle Marche | SEZIONE C

NARRAZIONI

SCRITTURA CREATIVA in collaborazione con il Premio Italo Calvino

consegna 10 gennaio 2020

 

Questa sezione segue quanto previsto dal concorso Nazionale “Sulle vie della parità” a cui si rimanda per maggiori informazioni e per gli allegati

FINALITÀ

Stimolare la creatività e l’immaginazione delle/dei giovani sulle tematiche di parità in generale per indurre una riflessione sulla necessità del rispetto dell’altro/a, indipendentemente dal sesso, dall’etnia, dalle capacità personali e dalla provenienza sociale o culturale.

In tal modo si intende dare spazio a una cultura che, nella consapevolezza del contributo di ogni persona al vivere sociale, sia aperta alla rivalutazione del femminile contribuendo a prevenire la violenza di genere. 

PRODOTTO

Ogni concorrente produrrà un racconto breve (massimo 10.000 battute spazi compresi) sul tema “Le vie della parità” a partire da uno dei quattro incipit forniti, appositamente scritti da quattro autori che sono stati finalisti del Premio Italo Calvino.

DESTINATARI

Esclusivamente allieve e allievi del triennio della scuola secondaria superiore o iscritte/i a una facoltà universitaria. I racconti dovranno essere inviati attraverso le istituzioni di appartenenza o le/i docenti referenti. 

NUMERO RACCONTI

I racconti non dovranno superare il numero di 4 per ogni classe delle scuole superiori (non più di uno per ogni incipit).

Ogni docente universitaria/o potrà inviare un massimo di 4 racconti.

 CONSEGNA RACCONTI

Le opere dovranno essere inviate entro il 10 gennaio 2020 a Toponomastica femminile Piemonte. Le opere migliori saranno premiate a Torino l’8 marzo 2020.

Un’ulteriore selezione sarà inviata a Roma per la premiazione nell’ambito del Concorso nazionale “Sulle vie della parità”.

Le opere dovranno essere inviate entro il 10 gennaio 2020 a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Toponomastica femminile Piemonte.

 

I racconti migliori tra quelli provenienti dagli Istituti superiori e dagli Atenei del Piemonte saranno premiati a Torino il 9 marzo 2020.

La selezione nazionale verrà invece premiata a Roma, nella seconda metà di aprile, nell’ambito della cerimonia conclusiva del concorso “Sulle vie della parità”.

I migliori lavori saranno pubblicati sulla rivista Vitamine vaganti.

 

Sulle vie della parità nelle Marche | SEZIONE C

INCIPIT

Incipit n. 1

Autrice: Simona Baldelli

«Ila, cosa stiamo aspettando?»

Non lo sapeva. Un segno, forse, un volo d'uccelli, l'alzarsi improvviso del vento o un grido che annunciasse la fine della battaglia ancor prima che avesse inizio.

Il sole era ancora basso all'orizzonte, se sole si poteva chiamare la palla oblunga di colore viola le cui radiazioni erano una minaccia per ogni forma di vita. Bisognava fare presto, o sarebbero morti.

«Ila, siamo pronte» ripeté Dena.

Osservò l'amica. Era preparata a tutto, come le migliaia di compagne alle sue spalle, attente, salde, in attesa di un gesto.

Sulla collina di fronte, l’esercito composto di uomini, simile per numero, attendeva immobile.

Davanti a tutti stava Milo, il fratello gemello. Avevano iniziato a parlare nello stesso momento e mosso i primi passi insieme. Inseparabili, amici, complici, fino al giorno in cui erano stati costretti a lasciare la Terra e cercare vita altrove.

La legge voleva che fosse solo uno a regnare, ma quale? Con le parole, i ragionamenti, non erano arrivati a nulla e, senza rendersene conto, si erano ritrovati a capo di due eserciti opposti. 

Incipit n. 2

Autore: Adil Bellafqih

Alex scelse il mercoledì perché entrambi i genitori avevano il turno del mattino. I vicini probabilmente avrebbero sparlato in giro, poteva scommetterci, ma il dopo era il dopo. Quel che contava era l’adesso e adesso non voleva che i suoi lo vedessero vestito così. Come minimo sarebbero sbiancati, senza contare che avrebbero cercato di fermarlo. E se avessero cercato di fermarlo, probabilmente Alex avrebbe ceduto. Ci sarebbero state lunghe, interminabili discussioni in cui avrebbero pianto a turno e poi… E poi. I pianti sarebbero venuti in ogni caso e magari anche i rimorsi, chissà, perché quella che stava per fare era una bella cazzata, ma andava fatta. Lo doveva a se stesso.

Alex guardò l’orologio, prese il coraggio a due mani e uscì conciato in quel modo. 

Incipit n. 3

Autore: Antonio G. Bortoluzzi

Alla fine mi è toccato guardarmi allo specchio. E giuro che non lo volevo fare.

Avrei preferito girare un po’ su Instagram, vedere che c’è di nuovo, o al limite scendere di casa e fare una corsa al parco: sudare mi ha sempre fatto bene, fin da bambino.

Però lo specchio mi dice che se riuscissi a raccontare tutto, fino in fondo, sarei per una volta dalle parti della verità.

Incipit n. 4

Autrice: Loreta Minutilli

Giulia aprì gli occhi prima che suonasse la sveglia. Aveva fatto sogni confusi sulla giornata che stava per cominciare, tutti finiti in catastrofe, e non aveva nessuna intenzione di rimettersi a dormire, ma non c’era ragione per cui fosse già in piedi. La sera prima aveva preparato accuratamente tutto quello che le sarebbe servito: lo zaino era già chiuso e dalla tasca davanti sbucava la busta della lettera, lilla e ben sigillata per evitare qualsiasi ripensamento. Prima che arrivasse il momento di uscire di casa, l’unica cosa che le restava da fare era impedirsi di cambiare idea.

 

Sulle vie della parità nelle Marche | SEZIONE D

LAVORO

Alla sezione D potranno partecipare i lavori pervenuti entro il 31 gennaio 2020 all’indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I gruppi partecipanti svilupperanno il proprio elaborato producendo ricerche territoriali, documentarie e fotografiche, sul lavoro femminile, passato e presente, con una particolare attenzione alla ricerca di attività lavorative innovative e significative della contemporaneità, utilizzando modalità espressive letterarie, multimediali o miste e corredando la ricerca di bibliografia ed eventuali testimonianze orali e scritte.

Inoltre particolare attenzione sarà rivolta agli elaborati che prenderanno in considerazione attività femminili svolte nel campo della ricerca scientifica. Inoltre, visto che l'Osservatorio di Genere nel corso del 2019 ha dedicato la rubrica “Traguardi” al focus su “Donne e Sport”, si invitano le scuole e gli enti a proporre progetti che abbiano la finalità di valorizzare e riscoprire storie di donne marchigiane che si sono impegnate nello sport distinguendosi per un impegno sociale e culturale perseguendo il superamento degli stereotipi di genere con finalità inclusive e aggregative.

Pertanto scuole ed enti dovranno concentrarsi non tanto e non solo sui successi ottenuti dalle sportive marchigiane nelle varie discipline ma sull'impegno profuso da queste ultime nella promozione di politiche sociali di decostruzione degli stereotipi di genere e di contrasto alla crescente marginalità di alcune fasce sociali particolarmente deboli.

Si tenga presente, inoltre, che le donne, nonostante rilevanti traguardi e successi, risultano ancora escluse dal professionismo.

Le atlete che fanno quindi dello sport un «lavoro» sono costrette a gareggiare da dilettanti, senza eccezioni, perché nessuna federazione permette loro di accedere all’attività professionistica non potendo usufruire di garanzie previdenziali, sanitarie, contrattuali previste per i lavoratori del settore, compreso il tfr a fine contratto.

Fermo restando che i lavori potranno essere dedicati a qualsiasi lavoratrice marchigiana – imprenditrice, studiosa, professionista – vivente e non, che si sia distinta nel proprio ambito professionale, segue un elenco di nomi, solo rappresentativo, a cui poter fare riferimento:

Scienziate:

Edmea Pirami (Ascoli Piceno)

Laura Maria Caterina Bassi Veratti (Montalto delle Marche - AP)

Alessandra Nibbi (Porto San Giorgio - FM)

Ginevra Corinaldesi (Fermo)

Maria Montessori (Chiaravalle - AN)

Agar Sorbatti (Loro Piceno - MC)

Erminia Zwiebler (Grottammare – AP)

Marta Bellomarì (San Severino Marche - MC)

Francesca Faedi (vivente)

Emanuela Palmieri (vivente)

Chiara Daraio (vivente)

Angela Pluchinotta (vivente)

 

Artiste:

Sibilla Aleramo (Civitanova Marche - MC)

Maria Grazia Capulli (Macerata)

Anita Cerquetti (Montecosaro - MC)

Maria Ciccotti (Pievebovigliana - MC)

Margaret Collier (Porto San Giorgio - FM)

Nori de' Nobili (Pesaro)

Anna Laurenzi (Fabriano - AN)

Virna Lisi (Ancona)

Valeria Moriconi (Jesi - AN)

Ave Ninchi (Ancona)

Dionilla Santolini (Macerata)

Bice Piacentini (San Benedetto del Tronto - AP)

Caterina Ricci (San Benedetto del Tronto - AP)

Francisca Solari (Civitanova Marche - MC)

 

Artigiane:

Ines Pieristé - Ceramista (Appignano - MC)

Maria Spes Bartoli - Fotografa (Tolentino - MC)

 

Intellettuali/Insegnanti:

Joyce Lussu (Fermo)

Dolores Prato (Treia - MC)

Maria Simonetti (Macerata)

Maria Concetta Riccio (Tolentino - MC)

Giuseppina Bertini (Tolentino - MC)

Jader Pojaghi (Macerata)

Silvana Scaramucci (San Benedetto del Tronto - AP)

Maria Pucci (Macerata)

Adalgisa Breviglieri (Ancona)

Rosa Calzecchi Onesti (Monterubbiano - FM)

Le dieci maestre che vollero votare

Amelia Sorcinelli (Fano - PU)

 

Sindacaliste

Gemma Perchi

Derna Scandali

 

Obiettivo di questa sezione è la scoperta di nuove figure, poco note e/o sconosciute, ma rappresentative del territorio e che abbiano lasciato attraverso il proprio lavoro una traccia rilevante per la propria comunità.

Il lavoro dovrà concludersi con una proposta di intitolazione individuale (a una singola lavoratrice) o collettiva (a una categoria di lavoratrici) avanzata alle sedi competenti, da allegare al materiale spedito al concorso.

 

* Si citano solo a titolo di esempio: Zerocalcare, Kobane calling , Bao Publishing, Milano, 2016; D. Dirik, D. Levi Strauss, M. T. Taussig (a cura di), Rojava. Una democrazia senza stato, Elèuthera, Milano, 2017; Michael Knapp, Ercan Ayboga,Anja Flach (a cura di), Laboratorio Rojava. Confederalismo democratico, ecologia radicale e liberazione delle donne nella terra della rivoluzione , Red Star Press, Roma, 2016; Mirella Galletti, Storia dei Curdi , Jouvence, Milano, 2004.