Una vera e propria catena virtuosa si è andata a formare in seguito al progetto #leviedelledonnemarchigiane, ideato e promosso dall'Osservatorio di Genere nel 2016.

Dopo la pubblicazione del libro omonimo si sono infatti aggiunti il concorso Sulle vie della parità nelle Marche, al quale sono seguite diverse iniziative volte all'intitolazione femminile di spazi pubblici in diversi luoghi nelle Marche, così come ci si riprometteva fin dall'inizio del progetto.

Ultima in ordine conologico arriva dunque l'intitolazione che l'IPSIA "E. Rosa" di San Severino Marche dedicherà a Marta Bellomarì (1939-2017), insegnante, medica e scout.

 

Il 29 marzo 2019 avrà luogo la cerimonia, durante la quale si ricorderà la vita di una donna appassionata, forte e consapevole, capace di lasciare una traccia indelebile nelle vite di chi l'ha amata, conosciuta o solo incrociata nell'arco della sua poliedrica e non sempre lineare esistenza.

Un esempio di tenacia e di coraggio disseminati in una vita piena e vissuta senza esitazioni. Una vita da raccontare.

La proposta di intitolazione nasce dalla partecipazione della classe 2^ PIA al concorso "Sulle vie della parità nelle Marche" con il progetto "Women at work. Le Marche si raccontano" che si è aggiudicato il Premio speciale per le scuole del cratere.

Il lavoro realizzato interamente dai ragazzi è stato seguito e supervisionato dalle professoresse Monia Caciorgna e Silvia Casilio.

Alla cerimonia di intitolazione oltre al dirigente scolastico prof. Oliviero Strona, al corpo docente dell'istituto e agli studenti parteciperanno i familiari di Marta Bellomarì e altre personalità.

Per l'Osservatorio di Genere, associazione promotrice del concorso, ci sarà Loredana Guerrieri, Valentina Ugolinelli in rappresentanza della CPO regionale, ente patrocinatore del concorso, e anche tutte le donne intervistate dai ragazzi per la realizzazione della video-inchiesta sul lavoro delle donne:

la sindaca di San Severino Rosa Piermattei, la Presidente del Consiglio delle donne di Macerata Ninfa Contigiani, l'amministratrice delegata della Distilleria Varnelli Orietta Maria Varnelli e le sue collaboratrici Maura Calvigioni e Carla Epifani, la segretaria provinciale del NIDIL-CGIL Rossella Marinucci, l'ex deputata Irene Manzi, la carabiniera Veronica De Angelis in rappresentanza del Comando dei Carabinieri e Alice Lanzoni, unica studentessa iscritta all'IPSIA "E. Rosa" indirizzo meccanica.

La targa che verrà affissa sarà realizzata dagli studenti coordinati del prof. Massimo Martinelli.

Dopo l'8 marzo ad Ancona, questa del 29 marzo è una ulteriore tappa che i nostri ragazzi effettueranno prima di recarsi a Roma il 30 aprile per partecipare alla cerimonia di premiazione del concorso nazionale "Sulle vie della parità", indetto da Toponomastica femminile, a cui il concorso regionale è legato.